Teatro del Canovaccio
Teatro del Canovaccio Martoglio.jpegNopaquieDSC_0105.JPG119_1924.JPG119_1926.JPG119_1936.JPG119_1947.JPG119_1945.JPGDSC_0182.JPGfoto gruppocinzia e salvosalvo e cosimo14337_1169237594961_2230432_n10317_1127226385102_6412457_n310283_2037836158086_576602866_n401613_10200167516575094_1561325484_n395561_2656029563831_377462048_n428128_2656024123695_2110331828_n389693_325199004228197_1036433551_n14337_1169236434932_3239130_n1255522_10200497309179098_39993046_nMVI_4893-3.jpegMVI_4898-4.jpegMVI_4900-1.jpegPIERODSC_0104.JPGDSC_0120.JPGDSC_0121.JPGDSC_0127.JPGDSC_0140.JPGDSC_0136.JPGDSC_0158.JPGDSC_0161.JPGDSC_0172.JPGDSC_0180.JPGFratelli d'Italia il castsaro 2.JPGSARO.JPGsaro 3.JPG
Responsabile Ufficio Stampa: Anna Alberti info@teatrodelcanovaccio.it
A GRANDE RICHIESTA REPLICA
UN ALTRO POE 
22, 23, 24 e 25 Marzo ore 21,00 - 27 Marzo ore 18,00 - 18 Marzo ore 19,30
di Eliana Esposito 
dai racconti del terrore di Edgar Allan Poe 

con Santo Santonocito, Raffaella Esposito, Neculai Cattaneo
acting coach Carmela Buffacalleo
coreografia Luna Palacios e David Samaniego
scenografia Alessandro Valenti
regia Eliana Esposito

Prenotate in tempo il vostro posto per le repliche di "Un altro Poe" che, a grande richiesta, dal 23 al 28 marzo, torna sul palco del Teatro del Canovaccio.

Lo spettacolo, tratto dai racconti del terrore: Il gatto nero, Il cuore rivelatore e Il demone della perversione, è scritto e diretto dall’eclettica Eliana Silvia Esposito e ripropone le tematiche care al grande scrittore statunitense, seppur rielaborate e rivisitate dall’originale ed innovativa regista.

E’ la perversione l'irresistibile spinta che conduce spesso gli uomini fino "all'orlo dell'abisso”, portandolo a compiere il male senza alcun ragionevole motivo: questa la tematica dominante dello spettacolo, ove un misterioso ed inquietante personaggio introduce tre storie  le quali narrano la follia, l’ambiguità, le ossessioni di uomini apparentemente comuni che però, dietro la maschera dell’ordinario, nascondono “questa insondabile brama dell'anima di tormentare se stessa, di far violenza alla propria natura, di fare il male per puro amore del male”.

Un lavoro in cui dramma ed ironia si fondono sapientemente, offrendo spazio anche al brivido, a personaggi ambigui ed imprevedibili, alle tante sfumature di quel demone della perversione sempre in agguato nella vita di ognuno di noi e che “ci induce - come scrive lo stesso Allan Poe - a commettere azioni spregevoli solo in quanto sentiamo che non dovremmo commetterle”.

Sulle vibranti ali della poesia, in un’atmosfera cupa e inquietante, con le aguzze armi dell’ironia, attraverso tormentosi pensieri, dialoghi dai ritmi serrati e l’alternarsi di comicità noir e nonsense, Edgar Allan Poe, suo malgrado, sarà ricondotto in scena, sulle tavole del Teatro del Canovaccio. Ma… non aspettatevi proprio Poe, aspettatevi “Un altro Poe”!



Date e orario spettacoli:

dal 22 al 25 Marzo alle ore 21,00;

27 Marzo ore 18;

28 Marzo ore 19,30.


Per informazioni e prenotazioni:

3473124498 - 3343053129

Un altro Poegatto neroun altro poe foto 2un altro poe fotoun altro poe foto 1un altro poe foto 5un altro poe foto 13un altro poe foto 12un altro poe foto 20un altro poe foto 22un altro poe foto 18un altro poe foto 21un altro poe foto 8un altro poe foto 6



Note di regia

La grandezza di Edgar Allan Poe è paragonabile a quella di Shakespeare o Moliere. La sua poesia affascina, sorprende, commuove. Il suo linguaggio è fluido, elegante, raffinato. Le sue tematiche sono sempre attualissime. E’ un innovatore: il suo stile originale ha cambiato il mondo della letteratura influenzandolo irreversibilmente. È un creatore di generi: il poliziesco, il giallo, l’horror e perfino la fantascienza e l’introspezione psicologica si devono a lui. E’ un precursore di tempi. Oggi più che mai viviamo nell’epoca del demone della perversione: guerre, trivellazioni, bombe atomiche, disastri ambientali, sono l’esasperazione di questo spirito autodistruttivo. Ed è proprio questo spirito della perversione, questa indomabile forza che spinge gli uomini fino “all’orlo dell’abisso”, “questa insondabile brama dell’anima, di fare il male per puro amore del male” che il lavoro si propone di analizzare nei suoi molteplici aspetti, nelle sue più svariate manifestazioni.


Lo spettacolo è tratto dai racconti del terrore: “Il gatto nero”, “Il cuore rivelatore” e “Il demone della perversione”. Il primo racconto, che ha più livelli di lettura, è abbastanza aderente a quello originale. Nel secondo ho sentito la necessità scenica di sdoppiare la vittima in due personaggi senza però comprometterne la trama. Per il terzo, invece, mi sono lasciata liberamente ispirare dall’omonimo racconto scrivendo, una storia ex novo che ne sviluppa il tema rimanendo fedele allo spirito di Poe.


Un viaggio, a tratti drammatico, a tratti umoristico, con un capitano d’eccezione, Edgar Allan Poe, che ci guida, come solo lui sa fare, nei meandri della psiche umana! Noi lo seguiamo curiosi, sull’orlo dell’abisso, con una buona dose di ironia, una discreta porzione di comicità noir e nonsense, una spolverata di seduzione e un pizzico di brivido.


Eliana Esposito

​​RASSEGNA STAMPA


  • Recensione di Maria Di Mauro - Un altro Poe Clicca Qui
  • Sotto il vulcano intervista Eliana - Un altro Poe Clicca Qui
  • Recensione di Maurizio Giordano - Un altro Poe Clicca qui
  • Recensione di Matteo Licari - Un altro Poe Clicca qui
  • Recensione di Domenico Trischitta - Un altro Poe Qui
  • Recensione di Antonella Sturiale - Un altro Poe Clicca qui
Create a website