Teatro del Canovaccio
Teatro del Canovaccio Martoglio.jpegNopaquieDSC_0105.JPG119_1924.JPG119_1926.JPG119_1936.JPG119_1947.JPG119_1945.JPGDSC_0182.JPGfoto gruppocinzia e salvosalvo e cosimo14337_1169237594961_2230432_n10317_1127226385102_6412457_n310283_2037836158086_576602866_n401613_10200167516575094_1561325484_n395561_2656029563831_377462048_n428128_2656024123695_2110331828_n389693_325199004228197_1036433551_n14337_1169236434932_3239130_n1255522_10200497309179098_39993046_nMVI_4893-3.jpegMVI_4898-4.jpegMVI_4900-1.jpegPIERODSC_0104.JPGDSC_0120.JPGDSC_0121.JPGDSC_0127.JPGDSC_0140.JPGDSC_0136.JPGDSC_0158.JPGDSC_0161.JPGDSC_0172.JPGDSC_0180.JPGFratelli d'Italia il castsaro 2.JPGSARO.JPGsaro 3.JPG
Responsabile Ufficio Stampa: Anna Alberti info@teatrodelcanovaccio.it

Tutto il resto ha poca importanza

di Nicola Costa

 

 

Note di regia:

 

Esiste un teatro nel teatro ed in qualche modo questo nuovo spettacolo prova a raccontarlo. Prova, cioè, a raccontare la storia di due artisti alla ricerca di una collocazione solida, convincente, inedita, che poi dovrebbe rappresentare l’essenza primordiale di ogni ricerca artistica e del teatro stesso.
Forse sarebbe più giusto affermare, per onestà intellettuale, che questo non è esattamente uno spettacolo, ovvero una messa in scena più o meno tradizionalmente borghese in cui fanno passarella dei personaggi più o meno accattivanti e/o scontati (un buono, un cattivo, un padre, un figlio, due innamorati, etc.). 
No, direi proprio di no. 
Ma per la stessa onestà intellettuale dovrei anche affermare che, se è vero che non è uno spettacolo tipicamente borghese, di contro, non so esattamente cosa sia, né saprei come definirlo con maggiore precisione. So solo che il posto dove ho ritenuto di renderlo pubblico è il teatro, che scrivo solo quando penso di avere qualcosa da dire (viceversa taccio e con piacere), che non mi è mai importato di etichettare qualcosa ad ogni costo e che quando ho scritto questo testo ero in un momento di interessante confusione. 
Penso che la confusione sia un balsamo, talvolta.
Gran parte dei pensieri di quel tempo sono sulla scena e non mi appartengono più. O meglio, non appartengono più soltanto a me. Sono e saranno già di chiunque desideri portarne qualcuno con se per farne ciò che gli pare, financo riflettere.
In ognuno di essi è racchiusa la sintesi di un percorso: artistico, personale, privato, intimo, intellettuale (forse). Perché il teatro si racconta e si condivide. 
Si urla, talvolta. Si prova e si ricerca.
Tutto il resto ha davvero poca importanza.
Lo dedico a Silvana che, sono certo, lo guarderà e capirà dall’Alto…

 

Nicola Costa

 

 

 

In scena Alice Sgroi e Francesco Bernava.

 

Testo e regia di Nicola Costa

 

Elementi scenografici Gabriele Pizzuto

spettacoloNicola

Dal 3 all' 8 Aprile 

 

Orario spettacoli:

dal 3 al 6 aprile ore 21,00

7 e 8 aprile ore 18,00 e ore 21,00

 

Info e prenotazioni:

391 4888921

 

 

©Teatro del Canovaccio Via Gulli, 12 Catania - Tel. +39 347.3124498 - 328.4254497          
mail: giuseppe@teatrodelcanovaccio.it 
Responsabile Ufficio Stampa: Anna Alberti info@teatrodelcanovaccio.it

Create a website